Home / Pillole di Lego / I numeri che fanno la differenza

I numeri che fanno la differenza

Quante volte vi siete chiesti con che criteri vengono scelti i numeri identificativi dei veri set? Beh questa è una storia lunga 60 anni per cui sedetevi e buona visione (o per meglio dire buona lettura)!!!
Partendo dal fatto che in teoria qualsiasi numero viene assegnato a caso (comunque sia in LEGO® rispettano un ordine logico) i set numerati fanno la loro comparsa negli anni ‘50. Il loro codice era identificato con la serie 700, per gli accessori e i veicoli invece si utilizzava la serie 1200 (ricordo che i primi set non erano minimamente simili a quelli di oggi ma più simili ad una serie di kit da modellismo con accessori di ampliamento). Si presume che i giocattoli in legno non venissero numerati perché considerati oramai “obsoleti”. Quasi subito agli accessori venne assegnato la serie 200 ma negli anni ‘60 con l’arrivo dei primi temi LEGO® vennero distribuite così le serie: 000 per i set Basic, 100 per i treni, gli accessori con 200-400-800, i set originali in 300 e le miniature delle auto in 600. Con l’avvento dei treni a 12v nel 1969 i treni assunsero la serie 700 e gli emergenti DUPLO® la serie 500. Gli anni ‘70 segnarono una rivoluzione nella numerazione dei set per via dell’avvento di nuovi set, così i set Basic furono reinseriti nella serie 1-99 (senza lo 0 iniziale) e nella serie 200 dove venne inserita anche la serie degli “Homemarker” ovvero veri e propri set raffiguranti ambientazioni di stanze di casa, il tema classic e i Legoland nella serie 300, i set Legoland più piccoli nella serie 600, 800 per i primi technic e 900 per gli accessori. Verso la fine degli anni ‘70 la numerazione a tre cifre venne per l’ennesima volta riciclata con l’avvento di altri set. Così nuovamente fu utilizzato la serie 300 per i Fabuland, Scala e Legoland town, la serie 600 per i set Town più piccoli e 800/900 per i set Legoland Space (ovvero i Classic Space amati oggi). Ma ovviamente l’utilizzo delle numerazioni a tre cifre stava collassando e stava creando confusione nel Gruppo LEGO® che si ritrovava il ripetersi di alcuni codici. Così negli anni ‘80 venne inserito il sistema a quattro cifre. Ora avevano più spazio e cosi i set Legoland vennero assegnati alla serie 6000 (6000 per i castle, 6300 per i set Town grandi e 6600 per quelli piccoli, 6800 per i set Space piccoli e 6900 per i set Space grandi), i set educational (Dacta) e promozionali alla serie 1000, DUPLO® alla serie 2000, Fabuland alla serie 3000, i set Pirati alla serie 4000, gli accessorie e i Model Team allaserie 5000, i Treni alla serie 7000 e i Technic alla serie 8000. I sotto temi invece venivano assegnati ad un preciso blocco della serie per una più pulita catalogazione. In tutto questo per tutti i set ancora prodotti e che provenivano dal “passato” LEGO® venne per l’ennesima volta riciclato il sistema a tre cifre. Questo rimase invariato, salvo qualche aggiustamento, per 15 anni.
Durante gli anni ‘90 l’introduzione di nuovi temi facente parte della triade Town-Castle-Space, vennero assegnati specifici blocchi a determinati temi come ad esempio per i Pirati la serie 6200, per Aquazone la serie 6100, Time Cruise la serie 6400 oppure Wild West la serie 6700. Mentre tutti i nuovi temi fuori da quello che era LEGO® System vennero assegnati a serie mai utilizzate come per i primi PC Games alla serie 5700 o i Belville alla serie 5800. Verso la fine degli anni ‘90 la serie 6000 stava arrivando al capolinea così cominciarono ad utilizzare numerazioni fuori al classico schema. Così per i Ninja (Castle system) e Insectoid (Space System) venne usata la serie 3000, Adventurers assegnata alla serie 5900 e Rock Raiders alla serie 4900 e il primo tema coperto da diritti, ovvero Star Wars, alla serie 7100. Mentre i Dacta vennero riassegnati alla serie 9000. Ma nei primi anni 2000 tutto questo venne meno perché si resero conto che non era sostenibile seguire un ordine logico per i vari temi. Fu così che con l’arrivo di molti temi e temi dalla vita breve, a tutti i nuovi set furono assegnati codici a random a seconda di quale numerazione era libera e senza una logica. Era possibile, così, trovare nella stessa serie numerica set provenienti da veri temi.
Però contestualmente per alcuni temi e set speciali vennero assegnate determinate serie numeriche a cinque cifre. Difatti del 2001 per tutti i set LEGO® Shop exclusive venne assegnata la serie 10000 (assegnata anche ai set UCS) in approssimativamente ordine cronologico (set che includevano set esclusivi e accessori). Nel 2007 venne introdotta la serie numerica 20000 per i set in regalo con il giornale Brickmaster e 21000 dal 2008 per l serie Architecture. Dal 2009 le Polybag promozionali vennero assegnate alla serie 30000 (tutt’ora in uso) e i set stagionali alla serie 40000 (tutto’ora in uso) e alcuni particolari set denominati “Value Pack” alla serie 60000 (ora 66000). Dal 2008 inoltre venne inserita la serie numerica a sei cifre ma dedicata a tutti quei accessori o oggetti prodotti per conto LEGO® in Cina e non considerati facente parte del cuore di LEGO® (serie 850000). Inoltre alcuni articoli “speciali” verso la fine degli anni 2000 vennero identificati con un codice identificativo “materiale” composto da sette cifre. Era riservato, per esempio, alle scatole di cartone o ai libretti di istruzione e comunque sia su tutto quello che poteva essere LEGO®. E con questo codice si potevano trovare (e si trovano tutt’ora) alcuni set speciali con il codice 4000000.
Ad oggi praticamente la serie numerica a quattro cifre è stata accantonata. Ed effettivamente ad oggi tutti i temi hanno la loro serie numerica o il loro blocco di riferimento numerico a cinque cifre. Ad esempio la serie 10000 che prima identificava set esclusivi (ovvero gli UCS) oggi è dedicato a tutti i set LEGO® expert. Gli ideas invece con i 21100/21300, gli Architecture sempre con la serie 21000, ora Star Wars con la serie 75000 (e quindi anche tutti gli UCS), i Technic con la serie 42000, i Creator con la serie 31000, City con la serie 60000, Marvel la serie 70/76000 e DC la serie 76000 e via discorrendo. Alcuni temi (magari per la loro vita “breve” vengono assegnati alla stessa stessa serie numerica come per i Brickheadz ed Elves con la serie 41000.
Alcuni aneddoti:

  • Tra il 1974 e il 1979, tutti i set di Lego negli Stati Uniti avevano uno schema di numerazione distinto dallo standard “ufficiale” europeo. In breve, i set DUPLO® erano numerati nella serie 000, Basic e Fabuland nella gamma 100, Legoland Town and Space nei 400 e 500, set classici nel ‘700 e set Expert Builder nel’ 900.
  • Samsonite in Canada usò anche serie di numeri distinti per i loro set esclusivi durante gli anni ’60 e ’70, serie che a volte si scontrò con lo schema di numerazione “ufficiale”.
  • Molti insiemi esclusivi negli Stati Uniti dei primi anni ’80 sono stati ovviamente dimenticati da TLC poiché il loro numero è stato riutilizzato negli anni ’90. Ad esempio, 6375 Gas Station (1980) e 6901 Mobile Lab (1980) sono stati riciclati rispettivamente per 6375 Trans Air Carrier (1990) e 6901 Space Plane (1998).

Fonte foto:
https://brickset.com/sets/tag-Furniture/theme-Building-Set-with-People
https://brickshow.com/2017/12/a-closer-look-at-the-2017-lego-employee-gift-nutcracker-4002017/

Commenti

commenti

CONDIVIDI:

TI potrebbe interessare...

Pillole di Lego

I LEGO® Bayer

Non vi sembra già di conoscere questo nome, Bayer? Bravi!! Esattamente è il colosso della …

Pillole di Lego

I LEGO® Grangemouth

Cosa sono i LEGO® Grangemouth? Questi mattoncini sono di quanto di più rari e “mitologici” …